I risultati di P&G per il benessere degli animali

I risultati di P&G per il benessere degli animali

Grazie ai nostri sforzi per promuovere le alternative agli animali, abbiamo un numero crescente di marchi ufficialmente accreditati come "Cruelty Free" dalla PETA (People for the Ethical Treatment of Animals). Infatti, P&G non effettua più test sugli animali per nessun prodotto di consumo, a meno che non sia richiesto dalla legge, e si impegna a rendere obsoleti i test sugli animali.

I marchi P&G accreditati come Cruelty Free da PETA

  • Herbal Essences-Logo
  • Aussie-Logo
  • Secret-Logo
  • Each & Every-Logo
  • First Aid Beauty-Logo
  • Bear Fruits-Logo
  • Hair Food-Logo
  • Sunny-Logo
  • Jolly-Logo
  • NOU-Logo
  • Quiet & Roar-Logo
  • Waterl<ss-Logo
  • Farmacy Beauty(Leaping Bunny)-Logo

Premi per gli scienziati P&G che promuovono alternative non animali

I più importanti scienziati della P&G hanno ricevuto riconoscimenti da terze parti e dai principali gruppi per il benessere degli animali per questa innovazione rivoluzionaria. Per ulteriori informazioni su questo innovativo metodo di analisi delle allergie cutanee, consultare i seguenti collegamenti:

Frank Gerberick riceve il premio per le nuove alternative

Vincitori del premio Bushprize 2015

Per saperne di più sulla nostra scienza alternativa non animale, visita il sito:

Una storia di conquiste per il benessere degli animali.

Il nostro viaggio per eliminare i test sugli animali è iniziato più di 40 anni fa. Ad oggi, abbiamo speso oltre 480 milioni di dollari in partenariati e progressi.

2020

2010

2000

1990

1980

1970

2021

P&G è stata ancora una volta Platinum Sponsor del Congresso Mondiale sulle Alternative agli Animali. L'11° Congresso Mondiale si è svolto a Maastricht, in Olanda. P&G ha sponsorizzato e contribuito a tutti gli 11 congressi mondiali sulle alternative animali, compreso il primo del 1993.

2019

P&G diventa partner ufficiale di #BeCrueltyFree.

Il primo marchio globale di P&G, Herbal Essences, ottiene la credenziale PETA Cruelty Free, seguito da Aussie nel corso dell'anno.

2017

P&G è Platinum Sponsor del Congresso Mondiale sulle Alternative Animali di Seattle.

2015

P&G vince il prestigioso premio Lush per il DPRA.

2014

P&G ha sponsorizzato il 9° Congresso mondiale sulle alternative e l'uso degli animali nelle scienze della vita a Praga. P&G ha sponsorizzato tutti i congressi mondiali sulle alternative animali.

P&G sviluppa il primo metodo alternativo e non animale per i test di allergia cutanea (Direct Peptide Reactivity Assay, DPRA).

2013

Il DPRA (Direct Peptide Reactivity Assay) di P&G, un innovativo test alternativo per le allergie cutanee, è stato finalmente approvato ufficialmente e raccomandato da un'importante autorità normativa.

2012

È stato pubblicato con successo lo studio di validazione ufficiale del DPRA (Direct Peptide Reactivity Assay).

2011

P&G ha sponsorizzato l'8° Congresso mondiale sulle alternative animali a Montreal, in Canada.

2009

P&G ha presentato 22 ricerche sulle alternative animali e sul benessere degli animali al 7° Congresso Mondiale sulle Alternative Animali a Roma, Italia. Il DPRA (Direct Peptide Reactivity Assay) è stato sottoposto a studi di validazione ufficiale.

2007

Il sito web AltTox.org è stato lanciato grazie a una collaborazione con P&G e HSUS. Il sito web è dedicato alla promozione di metodi di test di tossicità non animali.

2005

La HSUS e la P&G hanno annunciato una partnership strategica per collaborare all'eliminazione dei test sugli animali per la sicurezza dei prodotti di consumo.

P&G ha sostenuto il finanziamento di uno scienziato specializzato che lavorasse direttamente con l'ECVAM per favorire la convalida di metodi alternativi e per sostenerne l'accettazione da parte delle agenzie di regolamentazione.

2003

Iams ha istituito un comitato consultivo indipendente per la cura degli animali per fornire consulenza agli esperti sugli standard di cura degli animali negli studi di alimentazione nutrizionale.

2002

La HSUS ha consegnato il suo Humane Award a P&G in riconoscimento degli sforzi dell'azienda per rendere il mondo un posto migliore per gli animali.

1999

P&G ha posto fine all'uso di animali nei test di sicurezza per i suoi prodotti di consumo, tranne quando non sono disponibili alternative di ricerca non animale. La HSUS ha consegnato il prestigioso premio Russell e Burch a un direttore di ricerca della P&G, come riconoscimento per il suo lavoro e la sua leadership nel promuovere la ricerca sulle alternative.

1998

P&G ha testimoniato davanti agli Stati Uniti Congresso degli Stati Uniti per sostenere la legislazione che accelera l'accettazione di test alternativi.

1997

P&G si è unita ad altre organizzazioni, tra cui la Humane Society of the United States (HSUS), per contribuire a finanziare il lancio di Altweb, una risorsa web sulle attività di ricerca e validazione delle alternative.

1993

P&G è stata sponsor del primo Congresso mondiale sulle alternative tenutosi a Baltimora, nel Maryland.

1992

Il Johns Hopkins Center for Alternatives to Animal Testing ha riconosciuto a P&G "l'eccezionale contributo nella ricerca di alternative" nello sviluppo dei prodotti e nelle valutazioni di sicurezza.

1991

P&G ha testimoniato davanti agli Stati Uniti Congresso degli Stati Uniti per sostenere la legislazione che promuove la ricerca sulle alternative e stabilisce i criteri per l'accettazione delle alternative da parte delle autorità.

1990

P&G ha contribuito a finanziare la prima Conferenza internazionale sulla validazione. P&G si è inoltre unita al National Institute of Health e a Animal Rights International, cosponsorizzando una ricerca sulla condivisione dei dati per i test sui prodotti.

1989

P&G ha istituito un programma per l'assegnazione di borse di studio per lo sviluppo di alternative ai test sugli animali.

1980

P&G ha assunto scienziati e investito in laboratori all'avanguardia per costruire un'organizzazione di ricerca dedicata a ridurre ed eliminare l'uso di animali nella ricerca.

1970

P&G è stata una delle prime aziende a inserire i dati dei test di sicurezza in un database computerizzato, contribuendo così a evitare la duplicazione dei test.